Nelle sommosse e nelle guerre. Gli archivi milanesi durante l’età napoleonica

01/10/2021

Mostra visitabile dal 10 ottobre 2021 al 31 gennaio 2022

Archivio di Stato di Milano
Sala mappe e sala affrescata
Palazzo del Senato
via Senato, 10
Milano

A 200 anni dalla morte di Napoleone, l’Archivio di Stato di Milano propone una mostra dedicata alle ricadute archivistiche di quel «turbine memorando piombato dalle Alpi», come lo avrebbe definito molti anni dopo il direttore degli archivi governativi lombardi Giuseppe Viglezzi. Mentre l’Italia era investita dall’ impetuosa avanzata delle truppe comandate dal generale Bonaparte, nel chiuso degli archivi prendeva il via una battaglia più silenziosa, ma destinata a produrre effetti duraturi nel tempo.  Nel giro di un quarto di secolo, dal 1796 al 1821, molti archivi italiani subirono razzie, trasferimenti improvvisi, accorpamenti e smembramenti, frutto delle alterne vicende belliche che segnarono l’età napoleonica e i primi anni della Restaurazione.

La mostra segue quattro filoni narrativi intrecciati tra loro, ciascuno contraddistinto da un colore.

  • Il contesto storico che fa da sfondo alle vicende archivistiche,  indicato  con  il  colore  giallo  e  introdotto  attraverso  una cronologia essenziale, è illustrato da Maria Pia Bortolotti con una selezione di documenti dall’alto significato simbolico:  intestazioni  finemente  decorate  per  esaltare  l’avvio di una nuova era di uguaglianza e libertà, progetti di  monumenti e stampe dedicati all’esaltazione e alla caduta dell’imperatore, sigilli e molti altri pezzi rari tratti dai fondi più preziosi del nostro patrimonio.
  • Marco Lanzini ci guida alla scoperta delle vicende interne dell’Archivio, nella sezione di colore rosso, mostrandoci tutte le contraddizioni di un periodo nel quale l’istituto, non ancora affrancato dalla sua antica veste di Archivio segreto, tentò di aprirsi a un nuovo pubblico di eruditi e studiosi.
  • Allo stesso Lanzini è stato dato il percorso verde, dedicato alle peripezie subite dalla documentazione nel corso di quella travagliata epoca. A emergere è una Milano crocevia di un continuo flusso di casse ricolme di documenti, protagonisti di un ideale tour tra Venezia, Parigi, Vienna e molte altre città italiane ed europee, le cui tappe furono scandite dai trionfi e dalle sconfitte francesi.
  • La nostra storia non poteva che concludersi con l’esilio del suo protagonista assoluto sulla sperduta isola di Sant’Elena. Nell’ultima stanza dell’esposizione, di colore azzurro, Carmela Santoro ci racconta il curioso destino di tre ciocche di capelli di Napoleone, sequestrate nel 1817 a Natale Santini, suo collaboratore giunto in Italia con il singolare “cimelio”. I capelli entrarono dunque a far parte del fascicolo archivistico relativo alle indagini sul Santini, arrivando sino a noi all’interno del fondo Presidenza di Governo. Un destino assai beffardo per Napoleone, idealmente “archiviato” proprio tra quelle stesse carte di cui egli era stato per quasi quindici anni padrone assoluto.

Nel corso delle visite guidate tenute in occasione dell’inaugurazione della mostra, domenica 10 ottobre, celebri personaggi venuti dal passato accompagneranno i visitatori lungo il percorso della mostra. La Storia prende vita all’Archivio di Stato!

Visite gratuite per l’inaugurazione prenotabili su Eventbrite:
https://bit.ly/PrenotazioneMostraAsmi
Orari visite: 15, 16, 17 e 18.

La mostra sarà visitabile gratuitamente fino al 31 gennaio, prenotandosi su Eventbrite:
https://bit.ly/PrenotazioneMostraAsmi
Nelle seguenti giornate:
-    giovedì e venerdì, ore 11 e ore 13, con la formula "prenota la tua visita guidata alla mostra in pausa pranzo".

Aperture straordinarie in occasione delle Giornate d’Autunno del FAI:

-    sabato 16 e domenica 17 ottobre, dalle 10 alle 18, prenotandosi su: https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-autunno/ (link attivo a partire da venerdì 8 ottobre)

Altre aperture straordinarie saranno segnalate tempestivamente nelle news del sito dell'Archivio di Stato.

La mostra, organizzata dall'Archivio di Stato di Milano, rientra nel palinsesto delle iniziative del Comitato per il bicentenario napoleonico (www.napoleone21.eu), con il supporto dei media partner Rai Storia e Rai Cultura.

Locandina (PDF, 1,18 MB).

Per info: as-mi.comunicazione@beniculturali.it